Prova finale

Norme per la prova finale della Laurea in Ingegneria navale

La prova finale consiste nella discussione di una relazione scritta (elaborata in lingua italiana ovvero in lingua straniera) che verte su attività di elaborazione o a carattere progettuale svolte nell'ambito di uno o più insegnamenti ovvero di attività di tirocinio.

La relazione sarà predisposta dallo studente sotto la guida di un relatore.

Il candidato presenterà in seduta di laurea una breve relazione orale (durata massima 10min).

La commissione perverrà alla formulazione del voto di laurea secondo le modalità previste nel Regolamento didattico del corso di laurea in Ingegneria Navale. Nella determinazione del voto finale la Commissione può fare riferimento ai tre addendi riportati nella tabella di seguito riportata.

Linee guida per l'attribuzione del voto di Laurea ex DM 270/04
A: Media delle votazioni di profitto Media in centodecimi (pesata in base ai CFU attribuiti a ogni insegnamento) dei voti conseguiti in tutti gli esami di profitto superati per l'acquisizione dei 180 CFU relativi al triennio di corso di Laurea. A tal fine verrà assunto pari a 31 il voto degli esami superati con lode.
B: Qualità dell'elaborato e della presentazione Fino a 3 punti.
C: Carriera dello studente Fino a 5 punti di cui:
4 punti se la laurea è conseguita nei tempi della durata legale del corss di studio e un punto in meno per ogni anno o frazione in più (minimo 0);
1 punto se la media base (calcolata tenendo conto delle lodi) è maggiore o uguale a 100.00
Voto finale = A+B+C Su proposta motivata dal relatore è possibile attribuire la lode se il voto finale (A + B + C) è maggiore di 110.50